Home Altro Le aziende toscane attraggono investimenti dall’estero grazie ai “Minibond”

Le aziende toscane attraggono investimenti dall’estero grazie ai “Minibond”

Secondo lo studio della Crif Rating Agency sono circa 500 le aziende toscane che hanno le potenzialità per accedere a investimenti provenienti dall’estero grazie al mercato azionario. In particolare attraverso l’emissione di Minibond, strumenti obbligazionari che già nel corso del 2014 hanno permesso a 58 imprese italiane di accedere a prestiti finanziari per un importo complessivo di 480 milioni di euro.

I Minibond si inseriscono come valido aiuto a fronte delle difficoltà per le imprese di ottenere finanziamenti dal sistema bancario, anch’esso in crisi. In questo modo si rinnova la possibilità per le aziende, anche non quotate di ricevere finanziamenti tramite il sistema dei prestiti obbligazionari.

Non tutte le imprese però hanno i requisti per accedere ai Minibond: avere un fatturato di almeno 10 milioni di euro, un margine operativo lordo in positivo negli ultimi tre anni e pari almeno al 7% del fatturato totale e un debito aziendale non troppo elevato a confronto con la marginalità operativa dell’azienda e il suo patrimonio.

Le aziende non quotate inoltre potranno emettere Minibond solo se:

  • Sono assistite durante l’emissione da uno sponsor (banche, imprese di investimento, SGR, società di gestione armonizzate, SICAV, intermediari finanziari).
  • L’ultimo bilancio è stato revisionato da un revisore legale.
  • I titoli sono collocati presso investitori qualificati.

Secondo lo studio della Crif Rating Agency di tutte le imprese toscane con un fatturato superiore ai 10 milioni di euro il 26% ha i requisiti “giusti”, per un totale di 500 imprese, collocate principalmente nelle provincie di Massa-Carrara, Lucca e Firenze.

Grazie all’emissione dei Minibond, piccole e medie imprese toscane potranno attirare i finanziamenti necessari per portare avanti i propri progetti a breve e lungo termine senza passare dal sistema bancario, uno strumento importante quindi per aiutare lo sviluppo economico toscano futuro.

Fonte articolo

Inserisci un commento