Home Articoli 50 nuovi posti di lavoro grazie a Ge Oil&Gas e il polo...

50 nuovi posti di lavoro grazie a Ge Oil&Gas e il polo di Guasticce

Nuovi posti di lavoro Ge

A Guasticce (Livorno) sorge da oltre dieci anni la più grande area logistica della multinazionale General Electric Oil & Gas in partnership con l’azienda BCube.

Da poche settimane, in quest’area strategica di proprietà di BCube, è stata inaugurata una nuova area di 70 mila metri quadrati, che permetterà nuovi sviluppi futuri.

Già nel 2015 è infatti previsto un aumento delle tonnellate annuali gestite, passando dalle quarantamila del 2014 alle sessantamila previste per il 2015, oltre ad un aumento degli spazi dedicati all’imballaggi e allo stoccaggio merci, permettendo al centro di Guasticce di raddoppiare il numero di merci spedite.

La nuova area, che permetterà di aumentare i volumi di lavoro, porterà alla creazione di 50 nuovi posti di lavoro.

Secondo Massimo Messeri, il presidente di Nuovo Pignone, una delle maggiori realtà industriali di Firenze e partner italiano di Ge, questo progetto, frutto di professionalità qualifica e tecnologie avanzate, permette all’area di Guasticce di diventare un polo “best in class” nell’ambito logistico aumentando la forza del triangolo produttivo toscano di Ge (Firenze, Massa, Guasticce).

“Il nostro profondo legame con il territorio e con il suo sviluppo si arricchisce di un nuovo importante tassello, che contribuirà di certo a renderci ancora più competitivi sui mercati internazionali grazie all’eccellenza Made in Italy”.

Il progetto del polo di Guasticce permette dunque alla zona livornese di diventare uno degli hub italiani più importanti per la logistica e di avere delle ricadute positive su tutta la zona circostante sia per lo sviluppo economico dell’intera area si per la creazione di nuovi posti di lavoro.

Lo sviluppo futuro vedrà inoltre il collegamento diretto tra il polo di Guasticce e il porto permettendo a Livorno di diventare l’unico porto in Italia senza rottura di carico.

Per questa operazione sarà necessario realizzare un vero e proprio collegamento (il cosiddetto “scavalco”) tra il porto e l’interporto, la cui realizzazione comincerà entro la fine dell’anno e che prevederà lavori di escavo, di illuminazione del canale di accesso e di realizzazione di una vera e propria stazione ferroviaria all’interno dello scalo.

“Ringrazio GE – ha dichiarato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi – per aver dato un segnale positivo a questo territorio. L’interporto è stato fortemente voluto dalla Regione che ci ha investito molto. Qui esistono tutte le condizioni perché si possano attrarre ulteriori investimenti e mi auguro che altri investitori si insedino in questa zona e che gli spazi si rivelino non più sufficienti”.

 

Fonte dell’articolo: Invest in Tuscany

 

Inserisci un commento